Demolizione e ricostruzione di una casa in legno all’interno di un centro storico

Costruire una casa in legno su misura, dotata della più avanzata tecnologia energetica e antisismica, è possibile anche all’interno del centro storico di una città. L’esempio più recente arriva da una delle città più importante della provincia di Novara, dove sta sorgendo una nuova abitazione in legno realizzata da Kager Italia.

 

Borgomanero-nuova-casa-in-legno-Kager

 

Il fabbricato da demolire e la nuova casa in legno

Siamo nel centro storico di una città in provincia di Novara, a pochi passi dalle piazza principale, dove si trovava un fabbricato degli anni ‘80 che fungeva da cortina edilizia per la corte interna, composta da una vecchia cascina del 1800.

L’intervento ha lo scopo di riqualificare l’area, che si trovava in stato di degrado, attraverso la demolizione dei due immobili attualmente presenti. Al loro posto il progetto prevede la costruzione di due fabbricati che riproporranno la disposizione e i volumi degli edifici esistenti, per una metratura complessiva di 600 mq. Il primo ospiterà un’autorimessa e uno studio fisioterapico al primo piano, mentre il fabbricato centrale sarà un’abitazione di 4 piani ad uso residenziale.

 

prospetti-casa-in-legno-Borgomanero-Kager-fronte-strada

 

prospetti-casa-in-legno-Borgomanero-Kager-interno

 

I vincoli per la costruzione del nuovo immobile

Per rispettare i vincoli sulla paesaggistica, la facciata della nuova costruzione e i serramenti riproporranno lo stile e i colori dell’edifico in via di demolizione, al fine di conservare la coerenza con le caratteristiche costruttive degli edifici storici e di non alterare lo spazio pubblico urbano.

Ciò è reso possibile dalla particolare tecnologia costruttiva su misura delle case in legno Kager, che permette la totale personalizzazione estetica e architettonica. In questo modo è nato un progetto che ripropone forme e volumi dell’edificio esistente, adattandoli in chiave contemporanea.

Il progetto è stato sviluppato dall’ingegnere Carlo Quirico e dal designer Marco Preti.